Helen Langer: “Più attento, più abbiamo opportunità”

Interesse per il nuovo, la capacità di notare i cambiamenti e la capacità di vedere il mondo in diverse angola.

Psicologie: Il tema principale della nostra conversazione sarà, ovviamente, consapevolezza. Di solito questo termine è tradotto come “pienezza della mente”, “attenzione”, “consapevolezza”, cioè qualcosa di correlato alla “coscienza” … 1

Helen Langer: Questo è davvero qualcosa di vicino. Tuttavia, la cosa principale della consapevolezza è quanto sia facile raggiungere questo stato. E il fatto che quasi tutti noi (e quasi sempre) siamo sconsiderati, disattenti. Il modo di vivere attentamente e consapevolmente è così semplice che è difficile crederci. Devi solo notare un nuovo. Quando ne notiamo uno nuovo, iniziamo a vedere davvero il mondo in giro. E lui non è quello che pensavamo.

Ad esempio, sei venuto negli Stati Uniti e tutto qui ti sembra nuovo e curioso. Ma anche in Russia, tutto è nuovo, tutto sta cambiando, solo hai smesso di guardare da vicino! Se vieni a casa tua e provi a trovare cinque cambiamenti lì, è eccitante come viaggiare in un paese straniero. Come un tale effetto fenomenale deriva da un così piccolo? Il focus è che non appena ne accorgi uno nuovo, sei lì nel presente.

Nei libri su auto -help, ci diciamo sempre: sii qui, vivi ora. Ma non sappiamo che non siamo qui. Pertanto, tale consiglio è impossibile. Ma se presti attenzione al nuovo, per cambiare, diventiamo più suscettibili al contesto, a diverse opinioni sulla situazione. Questo è sentito come una quintessenza di coinvolgimento, come una pienezza di presenza. A volte guardiamo qualcuno e pensiamo: “Dio, sembra davvero apprezzare quello che fa. Come vorrei provare anche una tale sensazione “. In effetti, è disponibile per tutti, e questo è il più bello.

E come la tua teoria è correlata alle idee buddiste sulla consapevolezza?

E. L.: Mi sembra che questi siano due lati della stessa medaglia. Lo scopo della meditazione è raggiungere la pienezza della coscienza che si verifica dopo la meditazione. Di conseguenza, arriviamo a quasi un punto, ma mi trovo subito lì. Il mio percorso è più breve.

Come è nata l’idea di studiare l’attenzione?

E. L.: Ho sempre notato diverse stranezze. Ad esempio, quando mi sono trasferito da New York a Cambridge, dove tutti sembrano essere persone molto intelligenti, ho visto scene impossibili a New York. Diciamo che la banca si chiude dopo pranzo, il parcheggio viene rilasciato, ma non viene utilizzato. Le persone semplicemente non mi vengono in mente. Poi mi è diventato chiaro che la disattenzione e la stupidità sono cose diverse. Molte persone intelligenti non sono molto attente. Inoltre, la nostra cultura con te ad ogni passo incoraggia la consideratezza.

Ci viene detto che tutto è ovvio e noto. Alla scuola viene insegnato a ricordare i fatti. Ma i fatti sono collegati alla situazione. Anche nella scienza questo è questo: conduciamo un esperimento e diciamo che se riproduciamo tali e tali circostanze (che, ovviamente, è impossibile, perché nulla viene ripetuto esattamente), è molto probabile che ottenga tale e tale risultato. Ma se impari qualcosa, cessiamo di notare le modifiche. Tutti abbiamo bisogno di una potente iniezione di incertezza, dobbiamo imparare a considerare l’incertezza al nostro amico.

Ci vergogniamo della nostra ignoranza, lo nascondiamo agli altri. Ma l’ignoranza non è proprietà di un individuo,

Qual è l’eccitazione? Né tu né lui saprà qual è la prossima mossa. Lo viagra prezzo senza ricetta buccia sette tensione ed eccitazione.

questo è un fenomeno universale: non lo so, non lo sai, nessuno lo sa, perché è impossibile scoprirlo una volta per tutte. L’ignoranza può essere molto piacevole, possiamo goderci. Non raccoglieremo il puzzle che abbiamo appena raccolto o letto il detective, quando sappiamo già come finisce. Vogliamo novità. E poi scappiamo da lei. Vogliamo avere una scelta, ma c’è una scelta solo dove c’è dubbio. In questo senso, dobbiamo correggere la situazione.

Cosa ne pensi, la disattenzione alla vita è un nuovo fenomeno?

E. L.: Onestamente, non lo so. Ad esempio, quando usiamo nuove tecnologie, siamo piuttosto sconsiderati, in sostanza non capiamo “come funziona”. Non sappiamo cosa sta succedendo esattamente, premi solo un pulsante, poi un altro. Ma se sapessimo di più, aprirebbe molte opportunità di creatività. Sai, penso che in tempi preistorici, le persone caverne hanno capito perfettamente che ad ogni passo in attesa del pericolo. Quindi avevano tutto in ordine con attenzione.

發佈留言

發佈留言必須填寫的電子郵件地址不會公開。 必填欄位標示為 *

Scroll to Top